Accedi all'area riservata





Hai perso la password?

Contattaci

CREDITI DI IMPOSTA A FAVORE DEGLI ESERCENTI IMPRESA, ARTI O PROFESSIONE

Giovedý 19 Marzo 2020

CREDITI DI IMPOSTA A FAVORE DEGLI ESERCENTI IMPRESA, ARTI O PROFESSIONE

 

Con il D.L. 18/2020 c.d. “Cura Italia”, il Legislatore ha previsto 2 crediti di imposta a favore degli esercenti reddito di impresa, arti e professioni.

In particolare, gli articoli 64 e 65 del Decreto citato prevedono rispettivamente il riconoscimento di un credito per la sanificazione degli ambienti di lavoro e uno a sostegno degli effetti negativi della pandemia.

 

Credito d'imposta per le spese di sanificazione degli ambienti di lavoro

Il veloce propagarsi del contagio suggerisce al datore di lavoro, sia esso organizzato in forma di impresa o meno, la sanificazione degli ambienti di lavoro. Al fine di incentivare questa misura di contenimento dell’epidemia, il Legislatore, prevede a favore degli esercenti attività d’impresa, arte o professione un credito nel periodo d'imposta 2020 pari al 50% delle spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro.

Saranno agevolate le spese per un importo massimo per singolo beneficiario pari a 20.000 euro con un credito massimo pari a 10.000 euro, nel limite complessivo massimo di 50 milioni di euro per l'anno 2020.

 

Per le modalità di applicazione e fruizione del credito sarà necessario attendere l’emanazione di apposito Decreto da adottarsi entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore del D.L. 18/2020.

Si invitano comunque i clienti a tenere distinte con fatture separate le spese per la sanificazione, eventualmente sostenute, avendo cura in ogni caso di eseguire il pagamento di dette spese in modalità tracciata (bonifico-assegno) che stando alle precedenti misure sarà comunque richiesto in via obbligatoria.

 

Credito d’imposta per botteghe e negozi

Il Legislatore, al fine di contenere gli effetti negativi derivanti dalle misure di prevenzione e contenimento connesse all’emergenza epidemiologica, ha previsto inoltre un credito di imposta nella misura del 60% dell’ammontare del canone di locazione, relativo al mese di marzo 2020, di immobili rientranti nella categoria catastale C/1.

Il credito relativo al periodo di imposta 2020 potrà essere utilizzato in compensazione nei modelli F24, presumibilmente con la dichiarazione dei redditi che andrà presentata nel 2021

 

Ammontare del credito

60% del canone di locazione del mese di marzo 2020

Periodo di riferimento

2020

Beneficiari

Esercenti impresa, arti e professione

 

Tale credito d’imposta non potrà essere fruito dai soggetti che sulla base delle diverse ordinanze non sono soggetti alla chiusura e/o sospensione dell’attività.

 

info

Condividi su:  
   

Tutte le news & eventi